Eventi, Iniziative, Lettura, Mare

MARCHEINBLU – Estate al mare

Aquiloni_marePer MARCHEINBLU, la festa lunga 180 km, sabato 21 giugno la costa marchigiana si accenderà con tantissimi eventi per celebrare le 17 Bandiere Blu. Tra escursioni subacquee, stand up paddling, degustazioni e yoga all’alba, un week end tutto da vivere nella regione simbolo del turismo di qualità.

Gli eventi si snoderanno lungo tutto il litorale e interesseranno i Comuni insigniti del prestigioso riconoscimento della F.E.E. (Foundation for Environmental Education – Italia) tra cui San Benedetto del Tronto.

Anche la Biblioteca aderisce al ricco programma previsto con l’appuntamento ESTATE AL MARE.

Saremo in trasferta presso il Circolo Nautico Ragn’a Vela, Lungomare A. Scipioni, 71, dove, con la collaborazione dei lettori volontari civici, concluderemo in spiaggia il ciclo invernale di incontri di letture ad alta voce per bambini da 6 mesi a 6 anni iniziato lo scorso febbraio e inserito all’interno del progetto Nati per Leggere San Benedetto del Tronto.

Per informazioni su MARCHEINBLU – La festa lunga 180 km e per il programma completo della manifestazione:

http://www.turismo.marche.it/EventiNews/FestadelleBandiereBludelleMarche.aspx

INFO sulle letture di sabato 21 giugno in spiaggia:
0735.794701
biblioteca@comunesbt.it
Pagina Facebook Biblioteca multimediale “Giuseppe Lesca”

Emeroteca, Mare, Storia e cultura locale

Cimbas: organo d’informazione interna all’Istituto di ricerca delle fonti per la storia della civiltà marinara

cimbas_cLa pubblicazione di Cimbas, contrariamente alle pessimistiche previsioni del Comitato di Redazione, continua per via telematica e al nuovo indirizzo internet del periodico, http://www.cimbas.altervista.org, è possibile consultare l’ultimo numero, il 44 del mese di marzo 2013.

Per quanti di voi non conoscessero la testata, prevalentemente dedicata allo studio della storia delle attività marinare, riportiamo il contributo a cura della Redazione scritto come introduzione al primo numero del periodico, datato ottobre 1991:

“Questa rivista vede la luce per l’iniziativa di un gruppo di ricercatori che hanno trovato un comune interesse nella storia locale delle attività marinare.

Essa nasce principalmente dall’esigenza di ricomporre il quadro storico locale attraverso l’accesso più ampio possibile alle fonti originali, di qualunque forma espressiva, in grado di fornire informazioni sul passato delle popolazioni picene dedite ai lavori sul mare e per il mare.

È aperta ai contributi di quanti vogliono partecipare a questo progetto che è anche bisogno di riallacciare i legami con le generazioni che ci hanno preceduto su questo lembo di costa adriatica e che ci hanno lasciato un patrimonio di Civiltà quanto meno originale e pieno di suggestioni.

Si tratta quindi di un disegno ambizioso, che richiede più strumenti di competenza, per riscrivere la storia dei marinai e dei pescatori piceni, dalle origini appena sondabili ai recenti fasti oceanici, dei mestieri legati alla pesca, dei contenuti umani e sociali nei quali si è svolta la loro esistenza, del cammino faticoso dell’emancipazione, delle tragedie che hanno segnato i loro giorni, sino alle conquiste tecnologiche e geografiche di questo secolo.

Come sede di riferimento non poteva non essere scelta San Benedetto, assurta a centro peschereccio di valenza internazionale e luogo tra i più significativi per reperire ansia e volontà di riappropriazione storiografica di quelle vicende, con la sua disponibilità a questi approdi culturali, con la sua grande tradizione.

Il titolo conferito alla pubblicazione è tratto dalla dizione classica della nostra documentaristica dove spesso ricorre il termine “Cymbas” per designare piccole imbarcazioni da pesca e che diventerà più esplicito agli inizi del 1700 con la sua traduzione “Cymbas vulgo paranze” (cimbas comunemente dette paranze).

“Cymbas” fragile guscio che affronta il mare dell’informazione ma che, ci auguriamo, possa assolvere con dignità il suo ruolo, così come “le paranze” lo hanno fatto nel mestiere più duro dell’affrontare le onde.

cimbas_cavezz
Gabriele Cavezzi
Presidente di Cimbas

I primi studiosi ad aderire al Comitato di Redazione sono: Gabriele Cavezzi, attuale Presidente, Valter Laudadio, Ugo Marinangeli, oggi Direttore scientifico, Umberto Poliandri, Pietro Pompei, Lino Rosetti, Isa Tassi e Gino Troli.

Ben ventidue anni sono trascorsi e molti altri studiosi e ricercatori si sono avvicendati nel prestare il loro contributo alla ricerca che ha fin qui prodotto 44 fascicoli, 4 monografie e quasi 300 titoli analitici, consultabili dal nostro catalogo: www.bibliosip.it.

Eventi, Incontro con l'autore, Mare

Io nudo e crudo: Federico Palestini matr. 00204

Grande affluenza di pubblico lunedì scorso in Biblioteca per l’attesa presentazione del volume su Federico Palestini Io nudo e crudo di Maria Perla De Fazi. Dopo l’introduzione del Sindaco Giovanni Gaspari, la De Fazi ha spiegato la genesi e la successiva realizzazione del libro, nato da un’idea di Gigi Anelli e da una lunga intervista di 16 ore a Palestini.

La De Fazi ha puntualizzato che si tratta di una serie di racconti dai quali emerge in maniera semplice, ma molto vivido, l’amore per il mare che ha pervaso e tuttora pervade l’esistenza di Federico. Subito dopo Antonio Attorre, che ha curato l’introduzione del volume, ha sottolineato la grande capacità di Federico di coniugare le sue due più grandi passioni, il mare e la cucina, in un’offerta particolare, ispirata al modello Slow Food e capace di attirare e sedurre anche i palati più raffinati ed esigenti, quasi una sorta di moderno pifferaio magico in grado di incantare anche la clientela più esigente e di coinvolgerla nel racconto dell’origine e della realizzazione delle sue specialità culinarie.

Un visibilmente emozionato Federico si è rivolto al folto pubblico evidenziando come i suoi siano semplici racconti della vita com’era una volta e suggerendo ai presenti di leggerli ai ragazzi e ai bambini di oggi affinché non perdano il contatto con le loro radici salmastre fatte di duro lavoro, di grandi sacrifici ma anche di enormi soddisfazioni.

Riportiamo una frase di Federico che meglio di ogni altra riassume il suo carattere e il suo tenace temperamento: Sono un uomo che macina ancora tante idee che non sa se riuscirà a realizzare, ma ci tenta.

Il libro è presente in Biblioteca in duplice copia, una prestabile e l’altra consultabile in sede.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bibliografie, Mare

Fatevi travolgere da un mare di…libri

Lo spruzzo che leva / la roccia trascina il / granchio sott’acqua / vicino alla stella marina: / è l’inizio di una cruenta / mattina.

da Cartoline di mare: vecchie e nuove di Nico Orengo.

In questa breve poesia si coglie l’essenza del mare, il suo fluire costante e inesorabile, come i versi che si susseguono ininterrottamente, il suo aspetto gentile e placido incarnato dalla docile stella marina e il lato oscuro e minaccioso impersonato dal granchio che intraprende la battaglia quotidiana, e infinita, per la sopravvivenza.

Metafora per eccellenza della vita dell’uomo si può affermare che la letteratura sia nata sulle rive del mare, già da Omero che ne trasse sicura ispirazione per i due massimi poemi epici della letteratura greca antica.

Da oggi pomeriggio è stato allestito un nuovo scaffale tematico in Biblioteca: Un mare di… libri, costituito da oltre 150 romanzi estrapolati e scelti per voi dalla Sezione Mare.

Si tratta prevalentemente di romanzi che spaziano dai grandi classici italiani e stranieri di Emilio Salgari, Rudyard Kipling, Herman Melville, Jack London, Jules Verne, Robert L. Stevenson alle opere di autori contemporanei quali Wilbur Smith, Clive Cussler, Patrick O’Brien, William Golding, Folco Quilici, Umberto Eco e altri.

Vi esortiamo a lasciarvi cullare dai flutti della fantasia e a intraprendere un avventuroso viaggio in compagnia di personaggi leggendari, quali l’indomito e ossessivo capitano Achab, il vecchio e il suo pescecane, il brutale Kurtz,  e di altre avventurose creature con le quali planare sugli oceani, sondare gli abissi, andare alla spasmodica ricerca di relitti, scoprire tesori, affondare navi di pirati, naufragare in isole deserte e sconosciute.

Un mare di libri, o se preferiti libri di mare, vi aspettano per farvi trascorrere piacevoli momenti immersi (o meglio sommersi) in letture dense di suggestioni, evocative di stati d’animo e modi di essere che da sempre contraddistinguono la condizione umana.

Gastronomia, Iniziative, Mare, Storia e cultura locale

E…state anche in Biblioteca

Non c’è che una stagione: l’estate. Tanto bella che le altre le girano attorno. L’autunno la ricorda, l’inverno la invoca, la primavera la invidia e tenta puerilmente di guastarla (Ennio Flaiano).

È tempo di vacanze e di relax. La nostra città, a forte vocazione turistica, accoglie come ogni anno migliaia di turisti, ansiosi di rilassarsi al mare sotto l’ombrellone, di godersi gli splendidi panorami collinari circostanti e di gustare le innumerevoli specialità eno-gastronomiche.

Tante sono le occasioni per conoscere e apprezzare il patrimonio naturale, storico e artistico di San Benedetto del Tronto. Tornano gli Itinerari guidati alla scoperta dei Musei cittadini: Museo delle Anfore, Museo Ittico e il Museo della Civiltà Marinara; dei luoghi della cultura e della storia dell’antico borgo cittadino, con la possibilità di visitare, anche sulle due ruote, i luoghi più caratteristici della città e il Museo d’Arte sul Mare di recente inaugurazione presso il Molo sud, teatro, come ogni anno, della manifestazione internazionale Scultura Viva.

Per chi avesse voglia di approfondire la conoscenza del nostro territorio, documentarsi sul suo passato, leggere le storie delle persone che ne hanno fatto la storia, carpire i segreti della sua tradizione culinaria non ha che da visitare la nostra Biblioteca e consultare o prendere in prestito i volumi presenti nelle Sezioni di Storia e cultura locale, Mare, Gastronomia.

La Biblioteca resterà sempre aperta durante il periodo estivo: a partire da lunedì 23 luglio  fino a sabato 1° settembre solo al mattino dalle 9 alle 13.

Tutti i servizi saranno regolarmente garantiti.

Archivio storico comunale, Mare, Storia e cultura locale

Storia e cultura locale: novità editoriali

Sono state recentemente acquisite in catalogo tre nuove pubblicazioni di carattere locale disponibili anche al prestito esterno.

Si tratta di Ttenèlla: dramma dialettale in tre atti di Bice Piacentini Rinaldi, il più famoso dramma della poetessa sambenedettese, come lo definisce lo storico e archivista Giuseppe Merlini. L’opera scritta tra il 1910 e il 1924 (anno della prima rappresentazione) è la ristampa anastatica del dattiloscritto di Bice conservato presso l’Archivio Storico comunale, ripubblicato in occasione del 70esimo anniversario della sua morte e in concomitanza con la rappresentazione avvenuta il 19 e 20 maggio 2012 presso il Teatro Concordia di San Benedetto del Tronto a cura dell’Associazione Teatrale Ribalta Picena.

L’opera che ha emozionato e conquistato il pubblico sin dalla sua prima rappresentazione, racconta il tragico epilogo della consolidata storia d’amore tra Ttènella e Salvatore. Ttenèlla è una ragazza semplice che vive modestamente di quel poco che il contesto economico sambenedettese degli anni Venti può offrirle; […] è pertanto una donna forte, avvezza al dolore e alla sofferenza. Tuttavia, per lei il più soave e travolgente dei sentimenti, quell’amore umanissimo e divino al tempo stesso, si trasformerà in un male inesorabile e letale che la renderà debole e vulnerabile. (cit.)

L’altra opera, pubblicata in occasione del centesimo anno dal varo della “San Marco”, primo battello portapesce a motore in Italia, è Rumore di bordo: la Federazione Marchigiana delle Società per la pesca e la prima motorizzazione.

La motorizzazione delle imbarcazioni dedite alla pesca prese il via proprio dalla spiaggia sambenedettese grazie al parroco don Francesco Sciocchetti, che nei locali della canonica della Chiesa della “Madonna della Marina” faceva per la prima volta impiantare un motore a scoppio per far scuola ai figli dei marinai.

Il documento, custodito in una cartella che riproduce un registro contabile ottocentesco conservato presso l’Archivio Storico del Comune di San Benedetto del Tronto, consta di un volume a cura di Giuseppe Merlini e Gigi Anelli, corredato da un’importante bibliografia, di 8 foto/litografie con disegni, dipinti e foto d’epoca e da 7 ristampe dei fascicoli del periodico La pesca: organo della Federazione Marchigiana delle società per la pesca degli anni 1902 e 1903.

Inaugura la collana dei Quaderni dell’Archivio Storico comunale il volume A casa di Bice: breve guida del Palazzo Piacentini a cura di Giuseppe Merlini nel quale viene messo a nudo il Palazzo situato nel borgo primigenio di San Benedetto del Tronto, antica dimora di Bice Piacentini, oggi sede dell’Archivio storico cittadino, della Pinacoteca del Mare, della Sala della poesia e in cui è possibile visitare lo studiolo della “padrona di casa”, una donna di grande cultura e di infinito amore per la sua e la nostra città.

Cristoforo Colombo, Mare

Con Cristoforo Colombo alla scoperta…della sezione Mare

Come ogni 12 ottobre, in Spagna e nelle Americhe, si festeggia il Columbus Day: sono passati ben 519 anni dalla storica scoperta del continente americano.

La leggendaria figura di Cristoforo Colombo ha ispirato scrittori, saggisti e registi. Così Mario Rapisardi sintetizza in versi la vita del grande esploratore e navigatore:   “Divinò un mondo e fu deriso: lo scoprì e fu calunniato: / lo diede a un re e n’ebbe catene / O sacro, infelicissimo capo solo ti fu giusta la morte che t’asilò gloriando nell’infinito”.

Tra gli oltre 2000 volumi della sezione Mare della biblioteca 39 sono le monografie sul grande navigatore italiano.

Tra queste segnaliamo:

Storia dei grandi viaggiatori da Annone Cartaginese a Cristoforo Colombo di Jules Verne in 2 volumi del 1884

Il giornale di bordo di Cristoforo Colombo, traduzione dallo spagnolo di Aldo Braibanti, Milano, A. Schwarz, 1960: “Giovedì 11 ottobre / […] Due ore dopo mezzanotte apparve la terra, a una distanza di circa due leghe da loro. […]       Sabato 13 ottobre / Non appena venne giorno, giunsero alla spiaggia molti di questi uomini, tutti giovani e tutti altissimi, gente veramente molto bella. I loro capelli non sono mai ricci ma lisci e grossi come i crini di un cavallo; tutti hanno la fronte e la testa molto larghe, più di qualsiasi altra gente che io abbia visto sinora e occhi molto belli e grandi” (pp. 22-26)

 

Continue reading “Con Cristoforo Colombo alla scoperta…della sezione Mare”