Lettura

Propositi e buone letture

Tra i buoni propositi della Biblioteca per l’inizio dell’anno vi è quello di segnalare quotidianamente i titoli dei romanzi che hanno appassionato generazioni di lettori da sempre e in ogni parte del mondo.

La nostra non sarà una scelta arbitraria ma prenderemo spunto da varie fonti, tra cui la rassegna pubblicata qualche anno fa a cura di Peter Boxall, 1001 libri da leggere prima di morire, e, per quanto riguarda la letteratura per piccoli e giovani lettori, la bibliografia di base della biblioteca per bambini e ragazzi, Almeno questi!, sesta edizione del 2011, prodotta dal Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi in Toscana, unica nel suo genere in Italia per ampiezza di copertura editoriale in considerazione della sua rigorosa metodologia selettiva.

Il nostro intento è quello di accompagnarvi per l’intero corso dell’anno alla scoperta di libri e autori che costituiscono il patrimonio letterario dell’uomo, i prodotti dell’ingegno che hanno condizionato il modo di pensare, che hanno determinato modi di essere ed evocato echi e suggestioni nei lettori di tutto il mondo.

Naturalmente i nostri consigli e proposte non hanno la pretesa di essere esaustivi né tanto meno indiscutibili, anzi ci piacerebbe coinvolgere anche voi in quanto lettori, critici e suggeritori.

Per poterne parlare insieme i canali sono molteplici: qui sul nostro blog, mediante post e commenti sulla nostra pagina Facebook e il profilo Anobii della Biblioteca sul quale potrete commentare e recensire i volumi della Libreria (aggiornata ora con le novità di dicembre).

Per l’anno appena iniziato vogliamo dunque “contagiarvi” con il tarlo della lettura, non senza prima avervi ricordato quale dovrebbe essere, almeno secondo Daniel Pennac, il decalogo dei diritti del lettore:

1) Il diritto di non leggere.

2) Il diritto di saltare le pagine.

3) Il diritto di non finire un libro.

4) Il diritto di rileggere.

5) Il diritto di leggere qualsiasi cosa.

6) Il diritto al bovarismo.

7) Il diritto di leggere ovunque.

8) Il diritto di spizzicare.

9) Il diritto di leggere a voce alta.

10) Il diritto di tacere.

da Come un romanzo, Feltrinelli, 1993

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...